di Giuseppe Liotta
Stagione teatrale 2014-2015
Prima nazionale: Teatri di Vita
Bologna, 13 Maggio 2014

Scrivere un testo teatrale su Maria e Ida Pascoli è stata, prima di tutto, una sfida accettata e portata avanti fra tanti dubbi e problemi che riguardavano da una parte la struttura stessa della composizione drammatica, dall’altra capire quale senso, nuovo o altro, poteva avere dopo quanto è stato scritto, detto, alluso su Giovanni Pascoli e sul quel particolare ménage à trois che ha visto i tre fratelli e sorelle convivere amorosamente per anni nella stessa casa fino al matrimonio di Ida, e poi Maria e Giovanni da soli fino alla morte del poeta. Nessun interesse mi spingeva ad un lavoro drammaturgico in questa direzione; nel monumentale libro scritto da Maria, Lungo la vita di Giovanni Pascoli, c’era già tutto: amori e morte, episodi minuti ed eventi grandiosi, incontri effimeri e colloqui con uomini straordinari, una ricchezza di aneddoti accecante, una storia con un unico personaggio imponente  e per tanti versi inquietante, tenuto insieme da un solo punto di vista, quello di Maria, che ogni cosa mette in ordine e regola secondo il suo comune e arguto sentire. Ma, ad un certo punto, seppure affascinato dalle suggestioni presenti in quell’infinito racconto, ho trovato all’improvviso uno “spazio drammaturgico” libero, aperto: in quel tempo di nessuno quando, distrutto in un incendio il primo manoscritto di Lungo la vita… Maria decide di riscrivere tutto da capo il libro a cui aveva dedicato la sua vita. Ed è proprio questo preciso momento, particolare ed eccezionale, della sua esistenza che, da un punto di vista strettamente teatrale e drammaturgico, mi ha completamente catturato e sedotto: quel vuoto, quell’assenza di memorie era lì pronto, disponibile ad essere riempito di parole nuove, certamente mai pronunciate, ma possibili e vere perché scaturite, seppur diverse, da quella stessa fonte che, per prima, le stava generando.

Saggi

Rivista Pascoliana
Dimensioni del File 6.82 MB Download 141 Scarica

Rassegna stampa

Il Pensiero Artistico
Dimensioni del File 935.05 KB Download 327 Scarica
Qui Bologna
Dimensioni del File 152.04 KB Download 345 Scarica
Corriere di Bologna
Dimensioni del File 706.39 KB Download 357 Scarica
La Repubblica
Dimensioni del File 1.06 MB Download 336 Scarica

Gallery

View the embedded image gallery online at:
http://trameperdute.it/index.php/in-scena#sigProIdc26e251d05

In scena Alessandro Tampieri, Mirella Mastronardi e Uliana Cevenini
Foto di scena di Domenico Fuggiano